HTC Evo, Il Primo Telefono 4G

HTC-Evo,-Il-Primo-Telefono-4G

Il continuo sviluppo di nuove tecnologie sta portando alla nascita di uno  nuovo standard per quanto riguarda il mercato di dispositivi mobile. L’operatore americano Sprint, ha scommesso molto sul primo telefono 4g, HTC Evo, che è stato presentato al CTIA 2010 di Las Vegas. Dalle caratterstiche tecniche del nuovo HTC Evo, appare un dispositivo “mostruoso”, dalle molte capacità, scopriamo nei dettagli qualcosa informazione in più sul nuovo HTC Evo.

Per prima cosa parliamo dei componenti che avrà il nuovo HTC Evo. Processore Snapdragon da 1 Ghz, il top per dispositivi mobile, connettività Wi-fi e inoltre sarà possibile usare HTC Evo come hotspot Wimax, almeno con l’operatore americano Sprint che si sta impegnando moltissimo in America nel campo del Wimax, anche se ancora siamo abbastanza lontani. Completano il quadro display da 4,3 pollici touchscreen capacitivo con risoluzione 480×800, fotocamera da ben 8 Megapixel con la possibilità di registrare in HD fino a 720 p e ovviamente, come tutti gli HTC di fascia alta, sistema operativo Android. Inoltre, il primo telefono 4G, HTC Evo avrà 1 Gb di rom e 512 Mb di Ram, Gps,Bluetooth inclusi.

Passando dalla rete 3G a quella 4G, la velocità di trasferimento di dati sarà raddoppiata, questo passaggio sarà possibile grazie alla tecnologia Wimax, ossia una rete wireless che permette di raggiungere velocità molto elevate, fino a 100 Mbit al secondo. Per quanto riguarda la commercializzazione e l’uscita del nuovo HTC Evo, alcuni indiscrezioni parlano di un’uscita non molto lontana, infatti negli USA dovrebbe affacciarsi per l’inizio estate, per quanto riguarda una commercializzazione europea, non abbiamo ancora informazioni. Ovviamente anche il prezzo del HTC Evo non è fissato, comunque si tratta di un telefono di fascia alta e che introduce una nuova tecnologia, quindi sicuramente non sarà ad un prezzo abordabile.

Per le reali capacità del nuovo HTC Evo, vi lasciamo al video poco più in alto. BUONA VISIONE!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*