Ecosia: Il Motore di Ricerca Ecologico

Ecosia-Il-Motore-di-Ricerca-Ecologico

In questo mondo dove si sta sempre più diffondendo l’ecologia con raccolta differenziata, nuove tecnologie ecologiche in diversi settori come quello automobilistico ed elettronico, anche il mondo informatico in particolare internet sta sempre più abbracciando questa teoria, indispensabile per allungare la vita al nostro pianeta. E’ per questo che oggi vogliamo presentarvi il primo motore di ricerca ecologico, stiamo parlando di Ecosia.

Il progetto è iniziato a Berlino in concomitanza con il congresso svolto a Copenaghen, conclusosi forse non nel migliore nei modi. Gli ideatori del primo motore di ricerca ecologico dichiarano che una buona parte, precisamente l’80% dei ricavati, verranno donati per salvare la foresta amazzonica, sfruttando la stessa tecnologia di pubblicità online che fece balzare Google, il motore di ricerca più utilizzato, in cime alle classifiche.

Infatti cliccando sugli annunci pubblicitari presenti nelle pagine di Ecosia, gli sponsor si impegneranno a pagare un contributo che, a detta di Ecosia, sarà donato in favore della foresta pluviale. Ogni ricerca potrà salvare 2 metri quadrati del polmone del pianeta, sicuramente una bella iniziativa.

Il progetto di Ecosia, il primo motore di ricerca ecologico, è appoggiato anche dai due concorrenti principali di BigG, stiamo parlando di Bing e Yahoo. Secondo Christian Kroll, uno dei fondatori di Ecosia, se l’1% degli utenti di internet usasse il motore di ricerca ecologico, ogni anno si salverebbe una foresta dalla grandezza della Svizzera, dato molto significativo.

Essendo un progetto totalmente ecologico, anche il motore di ricerca stesso sarà dotato di tecnologie ecologiche, con i server alimentati da “energia verde”. Concludiamo dicendo che la deforestazione resta la causa principale del cambiamento climatico e del surriscaldamento terrestre, nell’ultimo mezzo secolo, a causa dell’uomo, sono state distrutte più della metà delle foreste pluviali presenti nel nostro pianeta.

Un’iniziativa sicuramente positiva e da appoggiare in tutto e per tutto, collegati ad Ecosia, il primo motore di ricerca ecologico.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*