Android 2.2 Froyo: caratteristiche e modelli compatibili.

android-2-2-froyo-novita-recensione

Le ultime ricerche di mercato danno ad Android l’oscar del miglior sistema operativo per dispositivi mobili affiancato da un market in continua ascesa che non sta lasciando insoddisfatto nessun utente. Ed è proprio di questi giorni la notizia dell’ uscita di Android 2.2 Froyo.

Gia con la versione 2.1 Android si era dimostrato essere il sistema operativo più veloce specialmente per quello che concerne la navigazione online e con il nuovo Android 2.2 Froyo non mancheranno di sicuro le sorprese.

Iniziamo con le novità del nuovo Android 2.2 Froyo. Se già prima era uno dei sistemi operativi più apprezzati ora con la nuova versione si dovrebbe superare in tutto e per tutto.
Iniziamo con il dire che Google ha già annunciato che con Android 2.2 avremmo il browser più veloce del mondo. Un’affermazione alquanto coraggiosa che però non ci sorprende visti i risultati già ottenuti con le precedenti versioni di Android.

Android 2.2 Froyo avrà una comoda funzione per condividere la connessione del proprio telefono con il computer o con altri telefoni in modo comodo e veloce. Notizia ancora più lieta per i tanti possessori di Android sarà la compatibilità con Adobe Flash Player versione 10.1, una verà novità nell’ambito dei dispositivi mobili visto anche il confronto con l’iPhone che al momento ancora non ha piena compatibilità con tutte le pagine in flash.

Sarà anche presente un nuovo motore Javascript denominato V8 ancora più potente rispetto a quello presente negli attuali sistemi Android che velocizzerà ancora di più la nostra esperienza online avvicinandola sempre di più a quella di un pc.

Di sicuro Android 2.2 Froyo sarà compatibile, comme già annunciato da HTC, con i nuovi modelli HTC Desire e Legend e Motorola dal lato suo ha annunciato l’aggiornamento per Motorola Milestone. Tra i modelli compatibili naturalmente c’è il Google Nexus One, modello sul quale tra l’altro è stato già testato il nuovo Adnroid 2.2

Non ci resta che attendere per vedere se anche stavolta Google non deluderà le nostre aspettative.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*