Acquisto di un nuovo PC: come scegliere la RAM

Prima di passare alle configurazioni specifiche, manca ancora un tassello da riempire riguardo la nostra Guida all’acquisto del PC. Bisogna parlare di come scegliere la RAM, ovvero la memoria che memorizza temporaneamente le informazioni relative ai programmi in uso e alle operazioni che la CPU deve svolgere. Spesso è la causa di possibili rallentamenti del sistema operativo. Dunque anche questa è una componente essenziale per un PC veloce e al passo con i tempi. Vediamo, quindi, insieme i parametri necessari per scegliere la RAM.

Dimensione

RAM è l’acronimo di Random Access Memory e caratterizza un tipo di memoria ad alta velocità che mantiene i dati per un periodo di tempo limitato. Se ne distinguono due principali modelli, ossia le DIMM e le SO-DIMM. Mentre le prime sono le classiche RAM utilizzate nei PC desktop, le SO-DIMM fanno parte del mercato dei notebook o più in generale dei PC portatili. In questo caso la scelta della RAM è un pò obbligata dal tipo di sistema in uso.

Frequenza

La frequenza della RAM si misura in megahertz(Mhz) ed indica la rapidità con cui la memoria lavora ed esegue il suo compito. Bisogna fare molta attenzione a tale valore quando si acquista una memoria RAM poichè è necessario verificare che la scheda madre supporti la stessa frequenza della RAM che andremo ad acquistare. In caso contrario non sarà possibile sfruttare a pieno le potenzialità della memoria, andandone a limitare le prestazioni finali.

Dual channel o quad channel?

La tecnologia Dual Channel o Quad Channel permette di duplicare o quadruplicare l’efficienza e la potenza della RAM, migliorando il trasferimento dati tra la memoria e la scheda madre. Per sfruttare questa opzione, bisogna installare sulla scheda madre dei banchi di RAM perfettamente identici, sia in frequenza che in quantitativo. In più, bisogna verificare che la scheda madre sia compatibile con tale tecnologia.

Latenza

Con il termine latenza si indica il ritardo tra l’inoltro di una richiesta di lettura sulla memoria e il momento in cui il dato è pronto per essere mostrato. Come è facile intuire, è importante che questo valore, chiamato CL, sia il più basso possibile. I valori di timing della RAM sono fondamentali per determinare la velocità e l’efficacia di una RAM, confrontandola anche con modelli simili.

DDR3 o DDR4?

Lo standard DDR (Double Data Rate) è ormai consolidato da parecchi anni. Dopo aver mandato in pensione i modelli DDR e DDR2, sono le DDR3 e le nuove DDR4 a dominare il mercato. Ma cosa significa questo acronimo? In poche parole, indica l’aumento di velocità di trasferimento dei dati. Negli standard più moderni, ciò si traduce in un aumento dei pin collegati alla scheda madre ed un intervallo di frequenze nettamente maggiore rispetto a prima. Infatti si parla di 2133mhz massimi per le DDR3 e 3200mhz per le DDR4. Anche in questo caso bisogna verificare il supporto delle varie frequenze con il resto delle componenti, soprattutto scheda madre e processore.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*